SEI IN: Home
ONORARI ATTO DI PRECETTO POST RIFORMA PDF Stampa
Mercoledì 05 Settembre 2012 08:22
Con riguardo alla liquidazione dei compensi per l’atto di precetto, dopo l’abrogazione delle tariffe ministeriali e l’adozione dei criteri con DM n. 140 del 20.7.2012, si richiama l’attenzione sul contenuto dell’art. 11, comma 7 dello stesso Decreto (“ Nella fase esecutiva, fermo quanto previsto nella richiamata tabella A - Avvocati, per l'atto di precetto, sono ricompresi, a titolo di esempio: la disamina del titolo esecutivo, la notificazione dello stesso unitamente al precetto, l'esame delle relative relate, il pignoramento e l'esame del relativo verbale, le iscrizioni, trascrizioni e annotazioni, gli atti d'intervento, le ispezioni ipotecarie, catastali, l'esame dei relativi atti, le assistenze all'udienza o agli atti esecutivi di qualsiasi tipo”. La richiamata Tabella A, allegata al DM, così individua i parametri di liquidazione per la redazione dell’atto di precetto, come di seguito. (Carlo Giuliani)

PRECETTO

Scaglione da euro 0 a euro 5.000: da 20 a 100 euro
Scaglione da euro 5.001 a euro 500.000: da 150 a 350 euro
Scaglione da euro 500.001 a euro 1.500.000: da 400 a 600 euro
Scaglione oltre euro 1.500.000: da 700 a 900
 
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Tribunale Ordinario di TivoliCassa Nazionale di Previdenza e Assistenza ForenseConsiglio Nazionale ForenseOrganismo Unitario Avvocatura Italiana